MENU
knitting in Mangiagalli

Milano
Clinica Mangiagalli

Knitting Therapy Milano

La Radiologia Senologica Clinica Mangiagalli della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, che da sempre si occupa di tutte le problematiche senologiche, dalla prevenzione alla patologia oncologica, è stata la prima ad aderire al progetto Knitta la lana, scalda la vita per sostenere le donne che, in attesa del referto di un esame importante come la mammografia, vivono momenti d’ ansia. Le signore vengono accolte dagli operatori e dalle volontarie che propongono loro il lavoro a maglia con ferri circolari. Questi si differenziano dai tradizionali diritti, oltre che per la lavorazione senza cuciture, anche per la praticità di poterli portare in giro lavorando comodamente negli spazi pubblici e di non doverli tenere sotto il braccio ma solo con le mani, permettendo così di lavorare all’ altezza desiderata e di evitare piccoli inconvenienti come la tensione dei muscoli del collo, lo sfregamento delle ghiandole sotto il braccio e l’ incassamento della gabbia toracica per le posizioni assunte dalla presenza del ferro sotto il braccio.
Il progetto di Gomitolo Rosa si è realizzato grazie alla dott.ssa Maria Silvia Sfondrini, responsabile dell’Unità Operativa Semplice di Radiologia Senologica, alla dott.ssa Stella Pedilarco, Coordinatore Tecnico dell’Unità Operativa Semplice di Radiologia Senologica e alla signora Alberta Cengarle, coordinatrice delle volontarie della Clinica Mangiagalli che collaborano con il Reparto relativamente all’accoglienza della donna. Le donne in attesa di esami e accertamenti realizzano a più mani quadretti di lana che uniti diventano copertine da donare al CAV (Centro Aiuto per la Vita).

Nel 2016, grazie alla donazione del Civico 17 di Mortara, è stato possibile provvedere ad una rilevante fornitura di gomitoli dei tredici colori che ad oggi l’associazione ha a disposizione.

Da dicembre 2016 a gennaio 2017  le attività di lavoro a maglia sono state sospese per lavori di ristrutturazione della sala volontarie.

A febbraio 2107, completato l’allestimento della «Poli.Comfort Room», nuovo spazio allestito per permettere alle donne che si sottopongono a esami mirati a prevenire o a controllare il decorso di un tumore al seno di portare con loro i bambini, il progetto è ripreso in un ambiente colorato e particolarmente accogliente.

La «Poli.Comfort Room», approntata accanto alle sale con le apparecchiature radiologiche, ospiterà anche le donne in attesa di esami che, nel frattempo, potranno lavorare a maglia con la lana di Gomitolo Rosa insieme alle volontarie del reparto coinvolte nel progetto.

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Accetta e chiudi' acconsenti al loro utilizzo.
Senza consenso alcune parti del sito non vengono visualizzate.
Per maggiori informazioni leggi qui l'informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi